Evasione fiscale da 25 mln di euro, nei guai 39enne di Santa Maria Capua Vetere

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Maxi evasione dell’iva sulla commercializzazione di carburanti. Per questo motivo è finito nei guai Filippo G., 39enne di Santa Maria Capua Vetere, arrestato lo scorso mese di marzo dalla Guardia di Finanza di Perugia e per il quale è stato disposto l’obbligo di dimora nel comune di Pietramelara. Misura che è stata confermata dalla Corte di Cassazione che ha rigettato il ricorso presentato dall’indagato per l’annullamento della misura cautelare. Per i giudici della Terza Sezione della Suprema Corte – presieduta da Luca Ramacci – non sono attenuate “le esigenze cautelari ritenute all’atto dell’applicazione della misura; ovvero il pericolo di reiterazione di reati di natura fiscale o contro il patrimonio, anche in considerazione della situazione di precarietà economica del ricorrente”. Pertanto il ricorso è stato dichiarato inammissibile. L’accusa per il 39enne sammaritano è di aver fatto parte di un sodalizio criminale che ha evaso circa 25 milioni di euro per il mancato versamento dell’Iva sul commercio di carburante.

Author: Redazione

Share This Post On

Pin It on Pinterest

Share This